Primi tre mesi di gravidanza: medicine, rapporti sessuali, svenimenti

Si può prendere una compressa per il mal di testa durante la gravidanza?

|||L’assunzione sporadica di una compressa||| per il mal di testa non influisce sulla salute del bambino. Ma per qualsiasi dubbio è indispensabile rivolgersi al proprio ginecologo. Una preziosa consulenza si può avere chiamando il Centro Regionale di Informazione e Documentazione sul farmaco (CRIF), che fa parte del Laboratorio per la Salute Materno-Infantile dell’Istituto Mario Negri di Milano (numero verde: 800883300). Con lo stesso scopo anche il Filo Rosso, che risponde ai numeri 02-8910207, 06-5800897, 081-5463881.

 

Nei primi mesi, per precauzione, è meglio astenersi dall’avere rapporti sessuali?

Quando la gravidanza procede regolarmente non c’è ragione di astenersi dai |||rapporti sessuali||| in via “precauzionale”. Questa norma vale se vi sono fattori di rischio, come precedenti aborti ripetuti, o parti pretermine, oppure in caso di infezioni cervico-vaginali (causa di aborti o nascite premature), per evitare il ripetersi del contagio, attraverso la trasmissione al partner, che diventa a sua volta veicolo di reinfezione.

 

Svenimenti durante l’attesa: quali rischi per il bambino?

I mancamenti sono frequenti in gravidanza e dovuti al fatto che alcuni meccanismi interni, come la regolazione della pressione e della glicemia, si devono adattare al nuovo stato. Basta il cambiamento di posizione (da seduta a verticale), o il passaggio da un ambiente fresco a uno più caldo, a provocare una cosiddetta sindrome vagale, cioè la dilatazione repentina dei vasi periferici con conseguente sensazione di svenimento. Il discorso è simile per la glicemia: un’improvvisa mancanza di zuccheri che provoca vertigini. Per risolvere l’inconveniente è consigliabile avere sempre con sé una zolletta di zucchero. E se anche la mamma dovesse momentaneamente perdere i sensi, il bambino non ne risentirebbe. Ma quando ci si sente mancare è opportuno distendersi con le gambe in alto rispetto alla testa. Se ci si trova fuori casa, ci si può sedere cercando di contrarre e rilassare ritmicamente per qualche minuto i muscoli di gambe e natiche per stimolare la circolazione sanguigna verso il capo. Vanno evitate le situazioni che possono favorire un abbassamento della pressione: stare in un ambiente troppo caldo, alzarsi rapidamente dopo essere stata sdraiata o seduta, stare a lungo in piedi.

Baby