Un anello di fidanzamento diverso dal solitaire

L’anello di fidanzamento resterà sempre un simbolo d’amore, ma può essere più fashion e meno costoso. Matrimonio.it ne ha individuati alcuni che possono essere una valida alternativa al classico solitaire.


 

Ebbene, dopo 10 anni, 1 mese e 13 giorni, dopo varie crisi e tante gioie, dopo 2 anni di convivenza, dopo 6 mesi che si parla di matrimonio.....il mio amore si e' finalmente messo in ginocchio e ho sentito quella domanda che aspettavo da tanto!

Grande sorpresa: non ho pianto!  Incredibile!  Ma ho riso come una matta e lui pure!   
(a dire il vero avevo pianto la mattina quando mi ha fatto recapitare 12 rose rosse a casa!).. 

Allora, usciamo per la cena di S. Valentino, mi porta nel nostro ristorante preferito. Mangiamo e dopo cena facciamo una piccola passeggiata sul Tamigi e super romantico, lui mi chiede "ti ricordi cosa ti ho regalato a S.Valentino di 10 anni fa?" e io "mmmh, non mi ricordo se era un profumo e la collanina col cuoricino" e lui "ma non era un anellino in argento?" e io "no no, forse era proprio la collanina"... e lui: "va beh, allora l'anello te lo regalo oggi..."si mette in ginocchio e inizia la sua bellissima dichiarazione, si incasina un po, appena si mette in ginocchio io parto per abbracciarlo e lui mi ferma con la mano e mi fa "no, stai al tuo posto e lasciami fare"...  e io ridevo felice come una pazza!   Bello bello, bellissimo! E l'anello e' un sogno!

di Valetintin » 15 feb 2010, 10:34

Bellissimo il post di Valetintin, forumina di Matrimonio.it, tanto che abbiamo deciso di pubblicarlo per aprire l’argomento. Parliamo, s’è capito, di anelli di fidanzamento. Ma non i soliti (anche se non sappiamo che anello abbia ricevuto Valetintin), non i solitaire, non i trilogy, non i brillanti. Per dire ti amo si può anche usare e osare la fantasia, in fondo le eccezioni al brillante, simbolo di purezza e fedeltà fin dal Seicento, sono celebri: Vittorio Emanuele III regalò alla regina Elena un magnifico rubino, e Carlo d’Inghilterra donò a Diana un enorme zaffiro.

L’anello di fidanzamento resterà sempre un simbolo d’amore, ma può essere più fashion e meno costoso. Soprattutto se indossato comme il faut. Ricordate che si porta unicamente all’anulare sinistro (dove fin dal Medioevo si diceva scorresse la vena che porta direttamente al cuore). Prima da solo e poi, dopo le nozze, sopra le fede. Il giorno del matrimonio va lasciato a casa: la sposa non deve portarlo, per lasciar spazio solo alla fede anche durante il ricevimento.


Organizza il tuo matrimonio

Ristoranti, ville, abiti da sposa, fotografi...
Cosa: 
Dove: 
SEGUICI SU...