Il video per il matrimonio: come è cambiato

I tempi cambiano e anche il video di nozze ha subito un'evoluzione: ci siamo fatti spiegare da due esperti del settore come è cambiato il video del matrimonio e quali sono gli stili e le tecniche più usate oggi

 

Tagliamo corto: non chiamateli filmini

L’evoluzione dei video di nozze dalla videocassetta a youtube

 

C'erano una volta i “filmini” del matrimonio: due ore zeppe di immagini di parenti corpulenti e di amici brilli in abito della festa, di parole di circostanza, di omelie e di rumori di sottofondo.  Insomma una noia mortale.

E poi c'erano le scuse improbabili per evitare le proiezioni a casa dei novelli sposi , che neanche la corazzata Potëmkin…

Fortunatamente i tempi cambiano e sia internet sia i social network ci hanno mostrato un nuovo modo per fruire di alcuni prodotti. Le parole d'ordine oggi sono: immediatezza, originalità, brevità e leggerezza.

Anche i video di nozze, quindi, sono cambiati: si è passati dal concetto antico di filmino, inteso come ripresa totale dell'evento senza identità narrativa, a video più sintetici e dinamici, che raccontano l'evento e le persone con uno stile fresco e moderno e che durano il tempo di un videoclip, 5/6 minuti, o al massimo 15 minuti nelle versioni più documentaristiche.

Ci siamo fatti spiegare qualcosa in più sulla cura snellente e tonificante dei video da matrimonio da due esperti del settore:

Fabio De Montis di Love Tales Video & Design, e Luca di weddinglightstories