Nozze indimenticabili: 10 cose a cui fare particolare attenzione

Ci sono cose, in un matrimonio, che non passano inosservate. Non si tratta solo dell’abito della sposa o della location del ricevimento: a volte sono i dettagli a fare la differenza. Ecco quelli a cui fare attenzione per lasciare ai vostri ospiti un meraviglioso e indelebile ricordo.

  1. L’arrivo in chiesa. Per scendere dall’auto come una star sul red carpet, copiate il trucco delle celebrities: salite in macchina di schiena e tenete le gambe rivolte verso la portiera. Così sarete già pronte per il primo fatidico scalino. Nel dubbio, fate qualche prova appena partite da casa.
  2. Il bouquet. Accertatevi con promemoria e alert che il/la testimone si ricordi di ritirarlo e di consegnarvelo almeno un’ora prima della cerimonia, in modo da poterlo usare per le ultime foto dei preparativi. E se fa caldo, tenete in casa un vaso pieno di ghiaccio per conservarlo (o in alternativa, fate spazio in frigorifero!)
  3. La visione “posteriore”. Durante la cerimonia, gli sposi restano quasi tutto il tempo di spalle rispetto al pubblico. Indispensabile, quindi, mostrare un lato B senza sbavature: acconciatura perfetta e abito senza grinze per lei, taglio di capelli millimetrico per lui (e senza il segno dell’abbronzatura). Per sdrammatizzare, si può scegliere una scritta spiritosa sulle suole dello sposo (genere “help me”). 
  4. Lo scambio delle fedi. Altro momento clou della cerimonia, è quello che tutti aspettano per commuoversi. Ma per farlo vorrebbero sentirvi! Sforzatevi di scandire la promessa con chiarezza e voce sufficientemente alta, possibilmente senza strafalcioni: anche in questo caso, un paio di prove possono fare la differenza…
  5. Braccia e mani della sposa. Sono le parti del corpo più fotografate: reggono il bouquet, indossano la fede, stringono quelle di lui, salutano, abbracciano. Quindi devono essere perfette e fotogeniche. E non parliamo solo di mani e unghie: la peluria sulle braccia, anche se non siete abituate alla ceretta, in questa occasione deve tassativamente sparire dalla circolazione.
  6. L’accoglienza. Quante volte vi è capitato di essere ospiti in una bella location, per poi rimanere delusi dalla prima tappa alla toilette? L’eccellenza si denota proprio dalle attenzioni riservate agli ospiti, in bagno come al guardaroba. L’idea in più? Prevedere un kit di emergenza da far trovare nelle toilette, con salviettine rinfrescanti, cerotti, ago e filo, veline per il trucco, campioncini di creme, smacchiatore per abiti e tutto quello che può essere di aiuto ai vostri ospiti.
  7. L’intrattenimento. I classici filmini con foto e video degli sposi sono sempre graditi. Ma nessuno ha voglia di sorbirsi una maratona cinematografica di due ore genere “Corazzata Potemkin”: a meno che non siate Steven Spielberg, meglio optare per 5-10 minuti di visione.
  8. Le foto. Può capitare, nella girandola di eventi della giornata, che al momento delle foto di gruppo ci si dimentichi di qualcuno tra parenti e amici: voi non lo noterete, ma loro sicuramente sì. Per evitare spiacevoli assenze nell’album, concordate con il fotografo il dettaglio di questi scatti. 
  9. Le bomboniere. Anche se avete scelto di devolvere in beneficenza l’equivalente di questo budget, agli ospiti un piccolo dono andrebbe sempre consegnato, in segno di gratitudine per aver condiviso con voi un momento tanto speciale. Le idee low cost e fai-da-te sono tantissime: il tempo dedicato sarà certamente ben speso. 
  10. I ringraziamenti. Partecipare ad un matrimonio è per gli ospiti un piacere ma anche un impegno, economico e non. Obbligatorio, quindi, ringraziarli con eleganza subito dopo le nozze o al più tardi appena rientrati dalla luna di miele. Per evitare distrazioni, giocate d’anticipo: prenotate le “thank you card” insieme alle partecipazioni e affidatele a qualcuno di famiglia insieme alla lista degli indirizzi a cui spedirle, francobolli compresi. In questi casi, i vecchi metodi sono decisamente più chic delle alternative digitali.